Le coronavirus est-il dangereux pour le chien ou le chat ?

Il coronavirus è pericoloso per cani o gatti?

Ultimo aggiornamento 20 aprile 2020

Con l'epidemia di coronavirus COVID-19, ci sono legittime domande sulla pericolosità del virus per i nostri animali domestici.

Questo articolo molto completo include tutte le ultime misure adottate, su cosa fare e cosa non fare, nonché le domande legittime di tutti i proprietari sul coronavirus COVID-19.

 

Revisione dei casi registrati negli animali domestici

Mentre un cane di 17 anni di Hong Kong (morto il 16 marzo senza autopsia, probabilmente di vecchiaia), vivere con una persona infetta da COVID-19, era debolmente testato con coronavirus COVID-19 fine febbraio 2020, le preoccupazioni sono aumentate per i proprietari di case.

Alcune immagini dai social network cinesi hanno mostrato scene insostenibili di eradicazione di cani e gatti, per paura di diffondere il virus.

Il 18 marzo, un altro cane è risultato positivo per COVID-19 da RT-PCR, ancora a Hong Kong.

Il 27 marzo, è stato annunciato che la Facoltà di medicina veterinaria di Liegi è stata in grado di dimostrarloun gatto appartenente a una persona infetta da COVID-19 avrebbe potuto contrarre la malattia. Ha sviluppato sintomi compatibili con un'infezione. Questo tipo di trasmissione, dall'uomo agli animali (e non viceversa), richiedeva a stretto contatto di tutti i giorni.

In questi 3 casi, non è stato possibile dimostrare con certezza che questi animali sono stati infettati con COVID-19. In effetti, i cani non hanno mostrato sintomi indicativi della malattiae questi tre animali non mostrano sieroconversione, vale a dire un aumento degli anticorpi nel tempo, indicando che il loro sistema immunitario è stato in contatto con un virus che si replica.

Per il momento, questi 3 casi indicano una semplice contaminazione, non un'infezione. Per il gatto, i sintomi presentati possono essere collegati ad altre malattie, che non sono state escluse dal quadro clinico.

Questi casi isolati non dimostrano quindi che gli animali domestici possano essere infettati dal loro proprietario e che il rischio di contagio da uomo a animale rimane pertanto trascurabile fino ad oggi.

sperimentalmente, in condizioni di laboratorio molto specifiche, furetti, cani e gatti possono essere stati infettati da COVID-19. Furetti e gatti sembrano più ricettivi rispetto ai cani per il rischio di infezione. Tuttavia, attualmente non vi è alcuna indicazione che possano a loro volta infettare gli esseri umani.

 

Dovremmo preoccuparci?

Attualmente non c'è motivo di credere che gli animali possano essere vettori dell'epidemia o svolgere un ruolo nell'infezione degli esseri umani.

I passaggi a questo punto sono semplici:

  • se non si è infettati da COVID-19, non è necessario farsi prendere dal panico
  • se sei stato infettato da COVID-19, applica una quarantena

 

Esperti in malattie infettive e molte organizzazioni internazionali e nazionali per la salute umana e animale all'unanimità concordano sul fatto che NON ESISTE UNA PROVA in questa fase indicando che gli animali domestici possono trasmettere COVID-19 ad altri animali, inclusi gli umani.

Gli animali domestici non svolgono un ruolo nella trasmissione.

 

Qual è il coronavirus nei cani o nei gatti?

Dovresti sapere che non esistono coronavirus, ma coronavirus, ciascuno adattato a un particolare ospite (uomo, cane, gatto, ecc.).

Questo virus RNA avvolto (acido ribonucleico) è molto diffuso e colpisce mammiferi e uccelli selvatici e domestici. Gli animali selvatici sono un serbatoio importante del virus e in determinate circostanze (mutazioni, contatti stretti), il coronavirus può saltare la barriera delle specie e toccare gli umani.

Nell'ambito delle ultime due epidemie di coronavirus, SARS nel 2003 e MERS nel 2012, il serbatoio principale, ovvero le specie animali che ospitano naturalmente il virus, era il pipistrello, mentre l'host intermedio che consentiva la trasmissione agli umani era il zibetto di palma e dromedario.

Quando salta la barriera della specie e ha la capacità di diffondersi da un uomo all'altro, il virus può essere responsabile di un'epidemia, a seconda della sua contagiosità e della gravità dei sintomi che provoca.

Alcuni coronavirus sono specifici per i canie sono all'origine di disturbi digestivi, altri sono specifici per gatto e responsabile di disturbi digestivi minori, ma ha anche la capacità di mutare nel coronavirus responsabile della peritonite infettiva felina. Questi due coronavirus non sono trasmissibili all'uomo.

 

Dovresti avere paura del coronavirus COVID-19 per cani o gatti?

Nel caso specifico del coronavirus COVID-19, non esiste attualmente alcuna prova formale che il virus sia trasmissibile agli animali domestici in condizioni naturali.

I campioni prelevati dal cane asintomatico di Hong Kong sono debolmente positivo e rivelano a priori una semplice trasmissione del virus, a stretto contatto con il suo proprietario, proprio come il virus può essere trovato su superfici che sono state contaminate dalle mani del paziente. Il cane non è malato, il virus non si sviluppa lì.

Nel contesto della pandemia COVID-19, si raccomanda la precauzione di lavarsi le mani regolarmente dopo aver toccato un animale domestico, per proteggersi dalla contaminazione da E-coli o salmonella, specialmente negli animali alimentati crudi, che sono molto più comuni del rischio di infezione da COVID-19.

La trasmissione di virus dall'uomo ai cani o dai cani agli esseri umani è estremamente rara: sono possibili trasmissioni di parassiti o batteri, ma ad eccezione della rabbia, non è stato ancora dimostrato che un virus viene trasmesso tra uomo e cane.

 

Dovresti comprare una maschera protettiva per il tuo cane?

Attualmente ci sono nessuna prova che i cani possono essere infettati da COVID-19. Inoltre, lo è è improbabile che il tuo cane sosterrà una maschera protettiva adeguatamente montata. Infine, la maschera non proteggerà dalla contaminazione superficiale.

Pertanto, non è consigliabile acquistare o indossare una maschera per cani.

 

Il tuo cane o gatto dovrebbe essere messo in quarantena?

Nel caso del cane di Hong Kong, la quarantena per 14 giorni è un'ottima precauzione.

Isolamento di questo cane, fuori dalla gamma COVID-19, permesso di non continuare a contaminarlo passivamente. Ce il cane non è stato infettato da COVID-19, ma semplicemente ingerito o annusato goccioline cariche di virus rifiutate durante la tosse, starnuti e contatto con le mani del suo proprietario infetto dal virus.

L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) lo ha annunciato i cani non possono contrarre COVID-19 e che quelli in quarantena siano stati rilasciati.

Se dovessi infettarti COVID-19, questa precauzione di isolamento potrebbe essere necessario per il tuo animale domestico per limitare la contaminazione passiva.

Se il tuo gatto esce incustodito, puoi limitare i suoi output, o monitorarli. Lo stesso vale per i cani. Se le uscite dell'animale sono controllate dal suo proprietario, riducendo il contatto e in particolare applicando le regole della distanza sociale imposto mantenendo 1 metro di distanza, non c'è motivo per cui il tuo animale entri in contatto con esseri umani affetti dal coronavirus COVID-19.

Il problema con un'epidemia è quello molte persone sono vettori senza saperlo, perché hanno pochi o nessun sintomo. È possibile isolare il tuo animale dagli umani, garantendo al contempo il suo benessere e la sua salute su base giornaliera, consentendogli di trascorrere e socializzare nelle migliori condizioni possibili.

Se sei preoccupato per la salute del tuo animale domestico, contattare la propria clinica veterinaria che rimane aperta per le emergenze, dopo una telefonata, durante il parto.

 

Quali sono i consigli per combattere il coronavirus per il tuo cane o gatto?

Per proteggerti dalle infezioni respiratorie e proteggi la tua famiglia e il tuo animale domestico, ecco un elenco di semplici consigli:

  • lavarsi le mani regolarmente con sapone o disinfettarle con un gel idroalcolico
  • evitare di toccare occhi, naso, bocca e viso
  • evitare il contatto ravvicinato con i malati
  • stai a casa se sei malato
  • tossire in un fazzoletto o gomito monouso e smaltire immediatamente il fazzoletto
  • pulire e disinfettare regolarmente le superfici e gli oggetti toccati
  • se ti ammali, indossa una maschera per prevenire la diffusione del virus, limitare il contatto con altri esseri umani e il tuo animale domestico e segui le istruzioni del tuo medico e veterinario
  • Lavati le mani prima e dopo aver accarezzato il tuo animale domestico
  • Non farti leccare la faccia
  • Evita il contatto con il tuo animale domestico se hai COVID-19

 

Sebbene cani e gatti non riescano a prendere il coronavirus COVID-19 da soli, possono vivere con i maestri con COVID-19 e portare delle goccioline nei loro cappotti.

Queste microgocce, risultanti dagli starnuti e dalla tosse negli esseri umani, possono durare per diverse ore nel mantello dell'animale. Si consiglia quindi di lavarsi bene le mani prima e dopo il contatto con il proprio animale.

 

Possiamo testare gli animali domestici delle persone infette da COVID-19?

Attualmente non sono disponibili test sul mercato per sapere se un animale è affetto da COVID-19. Solo gli esseri umani in determinate condizioni possono essere testati.

 

Le attrezzature del mio cane devono essere disinfettate contro il coronavirus COVID-19 (collare, guinzaglio, ecc.)?

Anche se il tuo cane non diffonde il virus, il coronavirus può sopravvivere su più superfici per alcune ore. Si consiglia vivamente, per quanto possibile, di disinfettare le attrezzature del proprio cane come guinzaglio, moschettone e altri accessori dopo ogni uscita.

 

Come pulisco correttamente le zampe del mio cane dopo essere tornato da una passeggiata?

Puoi pulire i cuscinetti del tuo cane con a carta assorbente bagnata o un panno adatto pulire le zampe del cane.

È importante non lavare le zampe del cane con gel idroalcolico, prodotti contenenti candeggina o salviette destinate alla manutenzione della casa. Attualmente troviamo cani con zampe bruciate.

 

Posso portare a spasso il mio cane o andare dal veterinario durante il contenimento totale istituito per combattere il coronavirus?

Il tuo cane può prendere un po 'd'aria fresca. Il governo autorizza gite per portare normalmente il cane in giro per casa, soprattutto se non si dispone di un giardino. Lo è anche possibile consultare il proprio veterinario in condizioni durante il confinamento eccezionale. L'obiettivo non è quello di raggrupparsi.

sistematicamente, dobbiamo stare attenti a non accarezzare i cani attraversato per strada. Il coronavirus può essere depositato su un collare o un guinzaglio e contaminare così il proprietario o l'entourage del cane.

 

Non abbandonare il tuo animale domestico con il pretesto del coronavirus!

Rifugi SPA, costretti a chiudere al pubblico per motivi di salute e che temono una significativa ondata di abbandoni, lo sono fare appello alla responsabilità di tutti i proprietari di animali domestici per non cedere alla psicosi e alla tentazione di abbandonare il tuo animale domestico.

 

Il coronavirus COVID-19 è pericoloso per cani o gatti?

attualmente, nessuna prova di trasmissione del coronavirus COVID-19 dall'uomo a cani o gatti non è stato dimostrato. Per il momento, i rari casi di presunte trasmissioni dall'uomo agli animali sono aneddotici e richiedono ulteriori indagini.

Per i cani e i gatti in questione, la presenza di particelle virali è stata semplicemente dimostrata. Queste particelle virali che si trovano nelle narici dell'animale, sulle zampe o nel tratto digerente, testimoniano proprio il modo di vivere degli animali (annusare, leccare il mantello o il terreno e ingestione di particelle virali, ecc.) ma non mostrano che il virus potrebbe essersi moltiplicato nel loro organismo.

Dobbiamo insistere e trasmettere questo messaggio: non c'è "NESSUNA PROVA" che animali domestici e animali da fattoria possano trasmettere il coronavirus COVID-19, proprio come è "improbabile" che il virus passi dall'uomo all'animale, come indicato da ANSES (Agenzia nazionale per la sicurezza alimentare, ambientale e della salute sul lavoro). Ti invitiamo a trasmettere questo messaggio rassicurante e a trasmetterlo a chi ti circonda e sui social network.

È collettivamente necessario mantenere la calma e rassicurare tutti i proprietari di cani e gatti naturalmente preoccupati.

Non c'è più nessun motivo di panico se vedi un cane o un gatto.

 

Di Benjamin BAYON, medico veterinario

 

NB: per motivi di semplicità, la malattia da coronavirus COVID-19 e il virus responsabile della malattia, ovvero SARS-CoV-2, sono entrambi indicati come COVID-19 in questo articolo.

FURST

Questo articolo verrà aggiornato in tempo reale in base all'evoluzione degli studi medici e veterinari e delle informazioni che arriveranno.

Lascia un commento

Mille grazie per tutte queste chiare spiegazioni sullo stato attuale della scienza

Durand Sylvie

Lascia un commento

  • Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

$1 Giorni
$2 orario
$3 Minuti
$4 secondo
Nuovo I più Trend